Lewis Hamilton e la pole numero 100: “Sono in estasi”

Era il 2007 quando un rookie dal nome Lewis Hamilton non sapeva che sarebbe entrato nella storia del mondo della Formula Uno e oggi, che è il 2021 il britannico della Mercedes è arrivato a quota 100 pole in carriera.

Sul tracciato di Montmelò

E’ il tracciato di Barcellona a far segnare un record in questo sport, con un Lewis Hamilton ch strappa di forza la pole position del GP di Spagna ad un leone dal nome Max Verstappen, che si mette a soli 36 millesimi dal pilota delle Frecce Nere.

Le parole di Lewis:

“Siamo andati bene nella terza sessione di libere. Abbiamo fatto qualche cambiamento in vista di oggi pomeriggio, questo mi ha fatto venire un pò di ansia in ottica gara. Appena uscito in pista mi è sembrato avessimo preso la strada sbagliata. Ho inseguito per tutta la durata della qualifica, ho usato qualche trucchetto strada facendo. Il primo giro migliore l’ho fatto durante il Q3″.

Ecco come sono andate le qualifiche

Intervistato subito dopo essere sceso dalla sua monoposto da Pedro de la Rosa, Lewis sorride, il suo sorriso dice tutto, il suo sorriso è la consapevolezza di aver scritto, ancora una volta, la storia della Formula Uno.

“Non posso crederci, 100 pole. Lo devo ai ragazzi e alle ragazze che in fabbrica continuano ad alzare l’asticella. Non si fermano mai ed è un sogno lavorare con loro. Il sostegno che ho è incredibile. Stiamo facendo un lavoro immenso, non lo avrei mai pensato quando ho firmato per il team nel 2013. Sono onorato, in estasi come fosse la prima pole position”.

Gli orari del GP di Spagna

Hamilton però, lo sappiamo, tende alla perfezione, ecco come ha commentato la giornata di oggi e la performance della sua W12: “Con questo assetto avevo tantissimo sottosterzo, l’auto era molto pigra. Ho cercato di far girare la macchina nel modo migliore possibile”.

Approfondimenti su Lewis Hamilton:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *