Ferrari 2022, come sarà? Tornerà a lottare per il Mondiale, le date della presentazione

Cosa sappiamo della Ferrari del 2022 e del progetto 674? Sicuramente c’è tanta attesa per scoprire le monoposto del 2022 soprattutto dopo il cambio di regole della prossima stagione, cambio di regole che hanno permesso al team di Maranello di poter osare con l’intenzione di recuperare quel gap che divide la Rossa da Red Bull e Mercedes.

Ma come sarà la Ferrari del 2022?

In queste settimane il team di Maranello sta lavorando duramente sulla monoposto che scenderà in pista nel 2022 e che si spera possa tornare a lottare per il podio.

Indiscrezioni e mezze rivelazioni ci hanno permesso di poter dare una forma, anche se molto provvisoria alla nuova monoposto di Charles Leclerc e di Carlos Sainz.

Al momento la Rossa non ha un nome ufficiale, sappiamo soltanto che il progetto è indicato con la sigla 674.

Avremo modo di vederla a metà febbraio ed è frutto di un lungo lavoro durato due anni.

Quella che vedremo in pista è sicuramente una Ferrari diversa, più corta e più pesante (43 kg in più) della SF21. Sappiamo già che le gomme sono molto più grandi, si passa dai 13″ ai 18″.

Il punto di forza è il cuore della monoposto, il motore infatti, è stato rifatto completamente partendo da zero. Il motore V6 turbo andrà ad integrarsi con il sistema ibrido che si evolve proprio per ridurre il divario con Red Bull e Mercedes.

Le parole di Mattia Binotto:

Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto guarda con al fiducia il 2022: “Nella prossima stagione torneremo a lottare per la vittoria, l’aerodinamica avrà un ruolo determinante, la nuova Ferrari è stata progettata con largo anticipo sacrificando il Mondiale 2021”.

Quando potremo ammirarla?

Vedremo la nuova Ferrari del 2022 nel periodo dei test di Barcellona.

Non c’è ancora una data ufficiale

ma Mattia Binotto ha dato un’indicazione approssimativa: “Non abbiamo ancora deciso la data di presentazione ma sappiamo che sarà tra il 16 e il 18 febbraio”.

HAMILTON: “GARA MANIPOLATA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *