F1, Hamilton: “La gara è stata manipolata”

Il GP di Abu Dhabi passerà alla storia, Max Verstappen campione del Mondo tra safety car e ricorsi, oggi a riflettori spenti sul circuito di Yas Marina tornano in pista le polemiche.

Cosa è successo?

Mancano quattro giri alla bandiera a scacchi, Max Verstappen distante un’eternità da Lewis Hamilton ormai pronto a prendersi il suo ottavo titolo. Niente da fare però per il pilota della Mercedes che a causa di una safety car entrata in pista dopo l’incidente del pilota della Williams Nichola Latifi ha visto sfumare il suo sogno di conquistare l’ottavo Mondiale e così superare il record di Michael Schumacher .

Subito dopo il pilota inglese si è aperto in radio con il suo muretto, il commento però, è stato censurato: “Questa gara è stata manipolata, amico”.

Un commento che non è stato trasmesso dalla tv, accuse pesanti quelle del sette volte campione sulla gestione della ripartenza una volta rientrata la safety car.

I RECLAMI DI MERCEDES CONTRO RED BULL E MAX VERSTAPPEN

Contemporaneamente

Il team principal della Mercedes Toto Wolff si è aperto in radio contro Michael Masi: “Michael, questo non è giusto! Non è giusto così! Devi ripristinare le posizioni del giro precedente, non va bene così”.

Subito dopo la ripartenza, Verstappen ha provato e si è preso il sorpasso sulla monoposto numero 44 vincendo il suo primo titolo. Poche le parole dell’ingegnere Mercedes che ha cercato di parlare con Hamilton dopo la bandiera a scacchi: “Sono senza parole Lewis, assolutamente senza parole”. Non è mai arrivata una risposta da parte di un deluso Lewis che ha aspettato due minuti, perso nei suoi pensieri, prima di scendere dalla sua monoposto.

Cala il silenzio in casa Mercedes:

Non ha rilasciato interviste Toto Wolff che si è limitato a dire: “Non voglio dire nulla”.

Cala il silenzio anche da parte degli uomini della Mercedes, Andrew Shovlin e James Vowles che non si sono presentati al tradizionale incontro con i giornalisti alla fine della gara.

Il silenzio di Mercedes probabilmente, durerà ancora diverse ore dopo le accuse rigettate da parte della FIA il team tedesco dovrà decidere se appellarsi ad un tribunale sportivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.