F1 | Ecco come è uscito dalla fiamme Romain Grosjean

L’incidente di Romain Grosjean rimarrà nella nostra memoria per tanto e tanto tempo, attimi difficili con una monoposto diventata improvvisamente una palla di fuoco.

Il pilota per fortuna è riuscito ad uscire in tempo, da solo e vivo dalla sua monoposto numero 8, ma cosa lo ha salvato?

Sicuramente nel corso degli anni la sicurezza in Formula Uno è aumentata, infatti i piloti all’interno dell’abitacolo sono molto protetti grazie anche alle normative della FIA che sono state adottate con il passare del tempo.

Uno tra tanti è il telaio fatto in carbonio, questo offre una cellula di sopravvivenza elevata, fondamentali anche i test di resistenza che avvengono prima di mettere una monoposto in pista.

Dall’abitacolo al casco:

Partiamo dall’abitacolo che ha dimensioni uguali per tutti in modo da poter eventualmente agevolare i soccorsi. All’interno dell’abitacolo troviamo delle protezioni per le gambe del pilota, se ci spostiamo più in alto invece, troviamo una protezione per la testa e poi ci sono le cinture che servono a tenerlo fermo.

Ma poi c’è anche il casco che adotta un sistema che si chiama HANS, questo sistema impedisce in caso di urto un movimento in avanti della testa.

Sicuramente, è stato fondamentale l’halo, quella struttura posta proprio sopra l’abitacolo, questo ha salvato la vita a diversi piloti da quando è stato introdotto.

Le immagini ci hanno fatto vedere l’Haas di Grosjean spezzata in due tra la parte finale del telaio e il motore nella parte posteriore.

Grosjean e i 28 secondi nel fuoco

Il pilota transalpino è andato a sbattere a 221 km/h contro il guardrail all’uscita di curva 3, dopo un contatto con il russo dell’Alpha Tauri Daniil Kvyat.

Lo scontro a 221 km/ h ha signficato anche una decellerazione di 53 forze G, il pilota è rimasto in una palla di fuoco per 28 secondi.

Ma cosa ha salvato la vita del pilota?

Partiamo proprio dall’Halo, amore e odio da parte di tanti piloti, ma senza questo sistema di protezione Romain non sarebbe più qui. Si tratta di una barra costruita in titanio che serve a “salvare” la testa dei piloti in caso di incidente.

In questo caso, l’halo di Grosjean è rimasto incastrato tra i rottami del guardrail, salvando la sua vita.

Cellula di sicurezza:

La macchina di Grosjean nell’impatto si è spezzata in due ed è stata questa la fortuna nella sfortuna del pilota, nell’impatto si è attivata infatti, la cellula di sicurezza progettata da Dallara, in questo modo il pilota è rimasto nella parte più sicura.

Ovviamente, la terza cosa che ha salvato Romain Grosjean è stato il suo spirito di sopravvivenza, qui è avvenuto il vero e proprio miracolo, il pilota infatti, dopo il violento impatto è rimasto per 28 secondi avvolto nelle fiamme, in quei momenti difficili non ha mai perso conoscenza, è riuscito a slacciarsi le cinture ed uscire dall’abitacolo.

Romain Grosjean verrà dimesso dall’ospedale martedì 1 dicembre e potrebbe tornare in pista per il finale di stagione ad Abu Dhabi!

IL GRAN PREMIO DEL BAHRAIN

PIU’ INFORMAZIONI SULL’HALO, SE VUOI APPROFONDIRE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *