F1, Binotto: “Il peggior GP per ora, stessi problemi del 2020”

Commentare il GP di Francia è difficile, una gara da dimenticare per Ferrari che si è ritrovata fuori dalla zona punti con entrambe le Rosse. Un GP di Francia più difficile del previsto che porterà risposte solo dopo aver analizzato i dati.

Fuori dal podio nei Costruttori:

Una gara che ha fatto scendere in quarta posizione Ferrari che si è vista sorpassata dalla McLaren, a fine gara il team principal della Rossa ha spiegato che nonostante le aspettative molto basse, la Ferrari è andata peggio del previsto: “Siamo andati male non solo rispetto alla Spagna ma anche rispetto a tutte le altre gare fino ad ora. E’ stata una gara brutta, non c’è dubbio. Siamo finiti fuori dalla zona punti ed è stata una batosta anche pensando alla classifica Costruttori. Qualcosa non ha funzionato, abbiamo avuto molto graining sulle gomme e non ce lo aspettavamo. Vedremo dopo aver fatto delle analisi, non voglio anticipare nulla ma l’ipotesi principale è quella del surriscaldamento delle gomme”.

Un ritorno al passato

Per Ferrari purtroppo, sembra esserci un ritorno al passato: “Per poterci correggere dobbiamo prima analizzare e poi capire. Quest’anno sappiamo che se la temperatura delle gomme è alta siamo in difficoltà perchè i cerchi fanno parte dei componenti congelati della scorsa stagione e questo rientra tra i problemi che già sapevamo i avere. Non potremo intervenire su questo problema. Ovviamente, noi cerchiamo di fare il meglio per gestirle al meglio ma ripeto, non voglio anticipare nulla. Ho visto la gara come l’avete vista voi e sarebbe prematuro parlarne adesso”. Poi sulla pressione delle gomme aumentata il team principal dice: ” Pirelli ha aumentato la pressione al posteriore, è normale scivolare e generale più graining. In gara abbiamo avuto più problemi all’anteriore. Le piste sono tutte diverse e le affronteremo, intanto dobbiamo capire quello che è successo e capire come correggerci, se ci riusciamo”.

Le parole di Charles Leclerc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *