Formula 1: GP di Monaco – cosa è successo a Monte Carlo? – Primo Hamilton, secondo Vettel, terzo Bottas – Ferrari cosa ti succede?

Il gran premio di Monaco si è concluso per lasciare spazio al gran premio del Canada.

A Monaco è arrivata la sesta vittoria Mercedes, su sei gare, un risultato veramente incredibile, con una Mercedes che sta davvero dominando questo mondiale.

Il gradino più alto del podio è di Lewis Hamilton, dopo una pole position incredibile in un circuito davvero molto stretto, quello del Principato.

Secondo Sebastian Vettel, per una penalità inflitta all’olandese Max Verstappen di 5 secondi per “unsafe release”.

Per Seb, e per la scuderia di Maranello arriva il miglior risultato della stagione, con la speranza che in Canada possa finalmente arrivare quella vittoria tanto desiderata soprattutto da Charles Lecrerc, sfortunato in casa sua, a Monaco.

Già dalle qualifiche infatti, Charles è stato particolarmente sfortunato, non potendo accedere al Q2 e partendo quindi in quindicesima posizione in un circuito dove il sorpasso è davvero impossibile.

Ma ci ha provato lo stesso, portandosi avanti, con due ottimi sorpassi prima di arrivare alla Renault di Nico Hulkenberg, lì il contatto e la fine della gara per Charles, costretto a tornare ai box su 3 ruote, con il fondo estremamente danneggiato.

A proposito di Ferrari, cosa è successo alla Rossa?

Questa domanda è una di quelle domande che sicuramente tutti ci siamo posti, dall’inizio del gran premio di apertura, in Australia.

Quello che sappiamo per certo è che non c’è mai stata una grande competizione in questo tracciato, la Ferrari non ha mai amato infatti questo circuito, qui però è arrivato il miglior risultato della stagione, che aspettavamo da sei gare.

Un fine settimana davvero difficile per la scuderia di Maranello che attende con ansia il Canada, dove l’anno scorso è arrivata la vittoria per Sebastian Vettel.

La sconfitta è stata in qualifica:

Questa è una delle cose più ovvie, una strategia sbagliata, un pensiero sbagliato ha rovinato la gara del giovane pilota della Ferrari, Charles Leclerc costretto quindi a partire dal fondo, dove è impossibile costruire una gara.

Verstappen ha fatto la differenza:

La Red Bull sta dimostrando di essere molto competitiva, soprattutto grazie a Max Verstappen che in questo gran premio ha saputo fare la differenza, purtroppo però, non è riuscito a salire sul podio a causa di una penalità di 5″.

Penalità inflitta qualche giro prima della fine, quando Max ha avuto un contatto con il pilota finlandese della Mercedes Valtteri Bottas.

Quel podio non glielo avrebbe tolto nessuno, se non la penalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *