F1 Mercedes: Bottas retrocesso? Arriva Russell?

La stagione 2021 del pilota Finlandese della Mercedes Valtteri Bottas è iniziata male, a parità di macchina dal suo compagno di squadra Lewis Hamilton, Bottas fa molta fatica a reggere il passo ed è per questo che potrebbe essere retrocesso.

Le indiscrezioni

Secondo alcune testate giornalistiche di motori, nelle ultime ore il finlandese sarebbe stato messo sotto osservazione dal team e per lui potrebbe arrivare una “retrocessione” in Williams, al contrario, George Russell potrebbe essere promosso con largo anticipo e prendere il suo posto in Mercedes. Il motivo? Abbiamo tutti visto una Red Bull in splendida forma che grazie a Verstappen e Perez riesce a mettere in difficoltà il campione indiscusso Lewis Hamilton e anche il titolo costruttori di Mercedes.

Le parole di Horner:

Christian Horner, team principal di Red Bull ha commentato così la possibile scelta della scuderia tedesca di sostituire in corsa il pilota finlandese: “Mi soprenderebbe uno scambio tra i due già a metà stagione. Nelle passate stagioni Bottas ha sempre offerto a Mercedes quello di cui il team aveva bisogno e ha dimostrato di poter essere un pilota veloce”.

Sicuramente con una monoposto così, sono davvero tanti a pensare che il Valtteri potrebbe fare di meglio, puntando ad un posto più alto sul podio e non conquistarlo a gran fatica.

Al momento però, si tratta soltanto di un’eventualità che potrebbe diventare conferma se Bottas non dovesse più convincere le frecce nere. In ogni caso, la scelta finale spetterà a Toto Wolff che ancora nutre molta fiducia nel pilota di Nastola.

Sicuramente Red Bull è la prima candidata a mettere in dubbio il titolo costruttori, dato che sono davvero pochi i punti che dividono i due team, Mercedes al momento ha conquistato 101 punti e il team austriaco 83.

Stessa sorte per il mondiale piloti con Max Verstappen molto vicino al campione in carica, la differenza tra i due è di soli 8 punti, ma la stagione è ancora molto lunga.

Vettel con aggiornamenti in Spagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *