F1 Baku: Un detrito la possibile causa della foratura di Verstappen

Prima la foratura di Lance Stroll che finisce contro le barriere, poi Max Verstappen che vede sfumare la sua possibilità di vittoria del GP di Azerbaijan e forse anche la sua occasione Mondiale.

Si sarebbe trattato di un “fattore esterno” così Pirelli ha classificato i due cedimenti che si sono registrati prima sulla Aston Martin di Lance Stroll e poi sulla Red Bull di Max Verstappen.

Gli esami

Una gara sicuramente piena di colpi di scena che ci ha regalato un magnifico e insolito podio, con Sergio Perez, Sebastian Vettel e Pierre Gasly, ma cosa è successo alle gomme?

Secondo le prime analisi condotte da Pirelli, sarebbe stato un detrito a provocare il cedimento delle gomme, questo quanto è stato indicato da Mario Isola.

Stessa spiegazione per l’Aston Martin di Lance Stroll.

Da escludere usura e degrado

Resta esclusa quindi, l’usura delle gomme, anche perchè Baku è un circuito che non stressa particolarmente le gomme, soprattutto non mette sotto stresso la posteriore sinistra, gomma forata da entrambi i piloti.

Charles Leclerc: “Ho perso la posizione a causa di un detrito”

Le parole di Mario Isola:

“Credo di poter escludere che i cedimenti siano stati causati dall’usura, non si tratta di una questione di usura della gomma. La posteriore sinistra non è la più sollecitata a Baku, è la posteriore destra. Sembrerebbe si sia trattato di un taglio dovuto ad un detrito”.

Poi continua: “Sembra che si sia trattato di una foratura dovuta ad un detrito. Molte monoposto avevano lo stesso numero di giri sulle stesse gomme, non hanno avuto problemi. Dalle prime indagini sembrerebbe che la causa sia dovuta ad un fattore esterno, un detrito, un cordolo”.

Cordolo o detrito

Quella di Lance era una gomma con 29 giri percorsi, mentre 33 per Russell, 32 per Giovinazzi e 27 per Alonso, tutti con la stessa gomma: “Non c’è stato nessun segno di allarme da parte dei team. Dobbiamo ancora ricevere la telemetria, ma non c’è stato alcun allarme o vibrazione che anticipasse il problema. Nel caso di Max Verstappen potrebbe essersi trattato di un detrito lasciato dall’Aston Martin di Stroll. Per Lance invece, non saprei anche perchè non ci sono stati incidenti prima, non posso però escludere che ci sia stato un pezzo di qualcosa sul circuito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *