F1 Aston Martin: Pronto il ricorso alla FIA

Un podio sicuramente inaspettato quello del caotico Gran Premio di Ungheria che proprio nei giri iniziali aveva il sapore di una partita di bowling. Un Gran Premio che ha regalato l’emozione della prima vittoria in F1 al pilota dell’Alpine Esteban Ocon ma che ci ha regalato anche un podio con un Sebastian Vettel in splendida forse, peccato poi sia arrivata a tarda serata la squalifica del quattro volte campione a causa della mancanza di carburante.

Aston Martin non ci sta:

Chi non è disposta a perdere il succoso bottino di punti e vedere Sebastian fuori dal meritato podio è proprio Aston Martin.

Nella tarda serata di domenica, la FIA ha comunicato di aver squalificato il pilota della monoposto numero 5 per mancanza di carburante. Ogni monoposto infatti, a termine gara deve avere almeno un litro di carburante per le ulteriori analisi.

Proprio nella giornata di oggi, il team di Lawrence Stroll ha comunicato alla FIA che presenterà un ricorso nelle prossime 96 ore. Sarebbe questo il motivo per il quale la monoposto numero 5 al momento si troverebbe a completa disposizione dei commissari all’interno del box del circuito ungherese. Nelle prossime ore però, arriverà in una delle strutture della FIA in Francia, per ulteriori analisi.

LE PAROLE DI LEWIS HAMILTON SULLA SQUALIFICA DI SEBASTIAN VETTEL

Il ricorso di Aston Martin:

Secondo Aston Martin, all’interno della monoposto di Sebastian Vettel sarebbe presente ulteriore carburante, oltre ai 0.3 litri prelevati da Jo Bauer, delegato della FIA.

All’interno della verdona infatti, sarebbero presenti altri 1.44 litri proprio all’interno di una delle pompe di sollevamento, quindi la squalifica sarebbe ingusta anche perchè all’interno dell’AMR21 sarebbe presente un totale di 1.74 litri di carburante, molti di più rispetto al litro necessario.

Se dovesse essere confermato, tutto tornerebbe come prima, quindi sul podio Ocon, Vettel e Hamilton secondo quanto riportato dal comunicato della FIA: “La classifica provvisoria è soggetta all’esito del ricorso presentato da Aston Martin”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *