Lewis Hamilton contro la FIA: “Non ho intenzione di togliere i miei piercing”

Ancora una volta polemiche tra Lewis Hamilton, pilota della Mercedes e la FIA. Il sette volte campione ha affermato di non voler prendere in considerazione la norma che obbliga i piloti a rimuovere oggetti personali come gioielli e piercing.

Cambia il regolamento sportivo

Quest’anno stiamo assistendo ad un vero e proprio cambio regolamentare del Codice Sportivo di Formula Uno che ha portato i team ad essere sullo stesso piano, con molti più duelli in pista.

Ma c’è un articolo all’interno del regolamento di gara (Appendice L, Capitolo 3, articolo 5) che vieta ai piloti di indossare gioielli che abbiano la forma di piercing, collane e orecchini.

Un argomento che è tornato alle luci della ribalta poco prima l’inizio del Gran Premio di Australia. In quel momento, il Direttore di Gara Niels Wittich nel corso del consueto briefing ha ricordato ai piloti di rimuovere i piercing, le catenine al collo e gli orecchini. Questo promemoria ha dato inizio ad una protesta da parte di Lewis Hamilton che non ha gradito quanto detto dalla Direzione Gara, decidendo di non rimuovere i propri gioielli.

Le parole di Lewis Hamilton:

“Non ho alcuna intenzione di togliere i miei piercing – commenta il sette volte iridato ai microfoni – penso che queste cose siano personali e che ti permettono di esprimere te stesso. Ci sono cosa che non posso davvero togliere. Ad esempio, quelli che ho all’orecchio destro sono saldati, dovrei tagliarli”.

Il britannico della Mercedes ha poi aggiunto che comunque rimuovere le catenine al collo, ma soltanto per una questione di comodità alla guida.

Non ci resta che aspettare cosa accadrà a Imola per il Gran Premio di casa nostra, i piloti toglieranno i propri piercing? Tra due domeniche scopriremo cosa accadrà, intanto continuate a seguirmi per tutte le notizie in tempo reale sulla Formula Uno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.