GP Messico: cosa dobbiamo aspettarci?

Ferrari

Ferrari - che disastro a Suzuka! Vince Valtteri Bottas

Dopo la vittoria a Suzuka che ha fatto festeggiare alla Mercedes il sesto titolo mondiale, è la volta del Messico ma cosa dobbiamo aspettarci esattamente?

La vittoria a sorpresa di Valtteri Bottas a Suzuka lascia tutti a bocca aperta, dopo una prima fila tutta in rosso che ci ha fatto risvegliare con il sorriso.

Sorriso che poi è diventato sempre più spento, dopo il primo giro, la Ferrari infatti, è stata la protagonista di un disastro forse mai visto durante questa stagione.

In un solo giro abbiamo detto addio ai sogni di un podio in rosso, un’altra doppietta, dopo Singapore.

Toto Wolff: “In Messico sarà difficile”

Sono queste le parole del Team Principal Mercedes, che vede sempre più distante la possibilità di un’altra vittoria argentata all’Hermanos Rodriguez. La trasferta a Città del Messico, potrebbe non portare ottimi risultati per la W10, anche perchè negli ultimi due anni si è imposto proprio qui, l’olandese della Red Bull Max Verstappen.

E la Ferrari?

Potrebbe essere competitiva, certo, ma riusciranno a non commettere errori?

Il Messico è sicuramente un appuntamento difficile, anche per quanto riguarda i motori, questo potrebbe essere sicuramente dato dall’altitudine che mette in difficoltà le monoposto.

Lungo

4304 metri, il circuito ha un totale di 17 curve, il record della pista lo detiene proprio il numero uno di Suzuka, Valtteri Bottas che con la sua Mercedes ha fatto segnare un crono di 1:18.741 nel 2018.

Qui, hanno vinto solo i più grandi, Ayrton Senna nel 1989 conquista il gradino più alto del podio, poi c’è Nico Rosberg nel 2015, il cinque volte campione del mondo (quasi sei) Lewis Hamilton che ha vinto nel 2016 e forse, un futuro campione, Max Verstappen che ha vinto per ben due anni di fila, nel 2017 e nel 2018.

Non perdetevi l’appuntamento

Domenica 27 ottobre con il gran premio del Messico a partire dalle 20:10 su Sky Sport F1, su TV8 invece, in differita alle 23:00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *