Formula 1|GP di Francia – il caso Vettel tra i temi della conferenza di oggi| i pareri dei piloti

Sebastian Vettel al GP di Canada

Vettel (Ferrari al gran premio del Canada)

La penalità di Sebastian Vettel è stata al centro dell’attenzione ancora una volta, ancora una volta infatti, se ne è discusso, c’è chi è d’accordo chi no, c’è chi ancora non ci crede e chi vorrebbe ritornare a quella domenica.

Ma di cosa si è parlato alla conferenza di oggi e chi era presente?

A sedersi in conferenza stampa c’erano Nico Hulkenberg per Renault, Carlos Sainz per McLaren, Pierre Gasly Red Bull e Antonio Giovinazzi Alfa Romeo e Romain Grosjean per Haas.

La penalità di Vettel è stato uno degli argomenti più gettonati degli ultimi giorni, ma cosa ne pensano i piloti?

dall’ironia di Hulkenberg alle parole di Sainz, ecco cosa hanno detto:

Il tedesco della Renault, Nico Hulkenberg scherza sulla penalità inflitta al suo connazionale, non ha espresso un vero e proprio parere comunque in conferenza su quanto è avvenuto a Montreal.

Parla invece Carlos Sainz, per McLaren, che considera la scelta dei giudici come una decisione troppo drastica.7

Il padrone di casa Pierre Gasly, si mette nei panni di Seb, una penalità molto severa quindi, anche secondo il pilota della Red Bull.

Assolve gli steward invece, Romain Grosjean, pilota francese della Haas, ammette che non è sempre facile poter prendere delle decisioni in così poco tempo.

La conferenza stampa si conclude quindi nell’attesa della gara, che sarà domenica alle 15:10.

Il circuito Paul Ricard è un circuito dove mantenere la giusta concentrazione è davvero molto importante, come è anche importante riuscire a trovare il giusto compromesso per ottenere la migliore prestazione della monoposto, dato che si tratta di un circuito che alterna curve veloci a curve lente.

Situato a Le Castellet, è lungo 5,842 metri e vanta un totale di 15 curve, il record della pisa lo detiene Valtteri Bottas, pilota Mercedes che qui lo scorso hanno ha segnato un tempo di 1:34.255.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *