Formula 1: addio a Charlie Whiting, storico direttore di gara

E’ morto Charlie Whiting, a poche ore dall’inizio della stagione 2019;

E’ da poco arrivata una notizia che ha rammaricato il mondo dello sport, poche ore fa è venuto a mancare Charlie Whiting storico direttore di gara della Formula 1, era il responsabile del regolamento per quanto riguarda la parte sportiva delle gare.

E’ morto nel sonno, a causa di un’embolia polmonare, si trovava in Australia, all’alba del mondiale, un mondiale che inizierà in maniera triste.

Whiting si occupava di spiegare anche ai media, le decisioni sportive quando si parlavano di regolamenti tecnici.


Era nato a Kent, nel Regno Unito, la sua carriera era iniziata nel 1977 lavorando con il team inglese Hesketh, ma entra a far parte della Formula 1, in maniera decisiva nel 1988 quando enta a far parte della Brabham, un’ex scuderia di Formula Uno che è venuta alla luce negli anni 60, arrivando successivamente a far parte dell’organizzazione FIA.

Il ruolo come direttore di gara arriva subito dopo, nel 1997.

Il cordoglio di Jean Todt:

Jean Todt, presidente della FIA, ha da poco condiviso un messaggio di cordoglio, definendolo un grande direttore di gare e una figura davvero importante per la Formula 1.

Molti altri sono stati i messaggi di cordoglio, da parte dei vari team e di tutti coloro che lavorano al paddock, a poche ore dall’inizio del campionato, una brutta notizia che ha scosso davvero tutti, dai piloti ai meccanici.

dal neo pilota Ferrari Charles Lecrerc a Valtteri Bottas, che ha definito la notizia triste e surreale, a Christian Horner per la RedBull che lo ha definito un uomo di una forte integrità, giocava un ruolo davvero importante, a Daniel Ricciardo per Renault che l’ha da poco ricordato in conferenza stampa.

Parole commosse nei confrinti di Charlie Whiting, che era considerato come una figura davvero centrale ed importante per la Formula Uno, se ne va quindi un pezzo di storia, alla vigilia del mondiale 2019.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *