F1: Binotto risponde agli attacchi della Red Bull

Tra qualche giorno la Ferrari alzerà il velo sulla nuova monoposto del 2020 ed è già polemica da parte della Red Bull.

Nei giorni scorsi, infatti, la scuderia austriaca è tornata a parlare delle presente irregolarità del motore Ferrari e dei numerosi ricorsi presentati alla FIA.

In particolar modo Helmut Marko, leader Red Bull ha dichiarato che nel caso di irregolarità della Ferrari, presenterà nuovamente ricorso alla FIA. Niente di nuovo ovvio, una vecchia storia che si ripete e che già abbiamo avuto modo di vedere nella passata stagione.

Nella passata stagione, i ricorsi presentati non hanno avuto alcun riscontro positivo, perchè la power unit utilizzata dalla scuderia di Maranello era regolare.

Mattia Binotto

Ha risposto agli attacchi della Red Bull facendo intendere che all’interno del team hanno lavorato anche sulla gestione della pressione esterna. In questo modo, il team potrebbe essere più forte, ed è importante se si vuole ottenere il massimo.

E torna a parlare anche della power unit della SF90: “E’ stata soltanto una volontà di puntare il dito, in modo da esercitare soltanto pressioni, penso che sia stata una strategia”.

info@f1racegp.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *