F1 | Binotto: “Complimenti alla McLaren per la vittoria a Monza”

Il Gran Premio d’Italia di F1 si è concluso con la vittoria di Daniel Ricciardo e con una Ferrari fuori dal podio. Aspettative deluse o rispettate? Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto a motori spenti ha analizzato tutta la gara con uno sguardo rivolto verso il futuro.

La Ferrari a Monza:

Come ogni anno Monza ci regala delle grandi sorprese, il 2020 è stato caratterizzato dalla vittoria di Pierre Gasly, quest’anno da un clamoroso incidente tra Max Verstappen e Lewis Hamilton. Incidente costato molto caro all’olandese della Red Bull, per lui una penalità di tre posizioni sulla griglia di partenza a Sochi.

A vincere il sempre sorridente Daniel Ricciardo che ha regalato alla McLaren una vittoria che mancava da nove anni con un podio tutto arancione grazie anche al secondo posto di Lando Norris.

E le Ferrari?

Per le due Rosse è arrivato un quarto posto conquistato a fatica da Charles Leclerc e un sesto posto preso da Carlos Sainz. Una gara che comunque ha lasciato tutti a bocca aperta, un risultato inaspettato che ha soddisfatto il team del Cavallino e lo stesso team principal Mattia Binotto che ha commentato così la gara della Ferrari: “Ci è andata bene, sapevamo che sarebbe stato un weekend difficile per noi. Il risultato alla fine è discreto e voglio fare i complimenti alla McLaren. Se guardiamo la classifica costruttori non siamo al terzo posto ma dobbiamo analizzare quanto accaduto” Binotto ha inoltre, analizzato il passo gara della Ferrari: “Il passo era buono ma abbiamo sofferto all’uscita dell’Ascari, sul rettilineo mancava la velocità. Abbiamo pagato la ripartenza dopo la Safety Car. McLaren si è trovata bene su questo tipo di circuito e non è detto che possa capitarci la stessa cosa nei prossimi tracciati. Noi cerchiamo di dare sempre il massimo, avevamo venti cavalli di differenza e si è visto. Stiamo lavorando in vista della prossima stagione, è stato un peccato aver perso punti ma dobbiamo essere ottimisti per il futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *