Carlos Sainz da ultimo al podio, la classifica aggiornata del GP del Brasile

Sainz

Carlos Sainz sul podio con la sua McLaren

E’ sicuramente Carlos Sainz Jr. il pilota del giorno in Brasile che con la sua McLaren, prima degli “altri” riesce in un’impresa straordinaria, da ultimo al podio.

Primo “podio” per il pilota spagnolo

Arriva così per il pilota di Madrid il primo podio in carriera, purtroppo non festeggiato a dovere perchè la decisione dei giudici riguardante la penalità di Lewis Hamilton è arrivata solo dopo la premiazione.

Da ultimo a terzo:

Carlos Sainz è costretto a scattare dal fondo, ma non rinuncia alla possibilità di piazzare la sua McLaren in zona punti. Allo spegnimento dei semafori del gran premio del Brasile in un circuito teatro di corse rocambolesche, inizia i suoi sorpassi , con determinazione ma senza mai essere di intralcio agli altri.

I rischi ci sono, certo, ma Sainz riesce comunque a essere determinato e a dimostrare quella cattiveria agonistica che lo aiuterà a salire sul podio.

Arriva alla S di Senna in ritardo e chiude un sorpasso difficile sulla Racing Point dimostrando a tutti il suo valore e quello della McLaren.

Strategia perfetta, forse anche quel pizzico di fortuna che non guasta mai e Carlos riesce a conquistare il suo primo podio dopo cento tentativi in F1.

La strategia perfetta della scuderia britannica:

La prima sosta arriva al 29 esimo giro, la scuderia decide a differenza degli altri team di non fermare subito Sainz in modo da poter guadagnare qualche posizione in più in pista e cercare quindi di evitare gli attacchi degli altri con gomme più fresche.

Sainz resiste agli attacchi e resiste anche a quelli di un campione del mondo come Kimi Raikkonen.

Arriva la Safety Car, con un Hamilton che si trova in testa al gruppo e va troppo piano, arrivano due giri da incubo per il pilota spagnolo con gomme che perdono di temperatura e tutto il gruppo dietro che vuole il suo posto.

Arriva la bandiera a scacchi, il pilota della McLaren riesce a piazzare la sua McLaren in quarta posizione, il miglior risultato in carriera ma ancora non sa che potrebbe migliorare.

Sul podio a salire sul gradino del terzo posto è Lewis Hamilton, ma c’è una notizia, potrebbe essere penalizzato di 5″ lasciando spazio ad un arancio sul podio assente da tantissimo tempo, purtroppo però la notizia arriva dopo, nei box McLaren scoppia la festa, per loro un terzo posto meritato e sicuramente non sperato.

Come è cambiata la classifica con la penalità di Hamilton?

Ecco quindi la classifica finale del gran premio del Brasile, penultima tappa mondiale.

  1. Max Verstappen (Red Bull) 1:33:14.678
  2. Pierre Gasly (Toro Rosso) +6.077
  3. Carlos Sainz (McLaren) +8.896
  4. Kimi Raikkonen (Alfa Romeo) +9.452
  5. Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) +10.201
  6. Daniel Ricciardo (Renault) +10.541
  7. Lewis Hamilton (Mercedes) +11.139
  8. Lando Norris (McLaren) +11.204
  9. Sergio Perez (Racing Point) +11.529
  10. Daniil Kvyat (Toro Rosso) +11.931
  11. Kevin Magnussen (Haas) +12.732
  12. George Russell (Williams) +13.599
  13. Romain Grosjean (Haas) +14.247
  14. Alexander Albon (Red Bull) +14.927
  15. Nico Hulkenberg (Renault) +18.059
  16. Robert Kubica (Williams) +1 giro
  17. Sebastian Vettel (Ferrari) – Ritiro
  18. Charles Leclerc (Ferrari) – Ritiro
  19. Lance Stroll (Racing Point) – Ritiro
  20. Valtteri Bottas (Mercedes) – Ritiro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *