Alfa Romeo 2020: fallisce il crash test del telaio

Alfa Romeo 2020

Alfa Romeo 2020, fallisce il crash test del telaio

Tutte le scuderie si preparano in vista della stagione 2020, ma in casa Alfa Romeo non sono di certo mancati i problemi.

F1 2020, Alfa Romeo e il crash test fallito:

La scuderia elvetica ha ricevuto un regalo di Natale inaspettato, quasi amaro, pare proprio che la scocca realizzata dal team in vista della nuova stagione non abbia superato uno dei numerosi test sostenuti al CSI di Milano, una sede riconosciuta dalla FIA idonea a rilasciare il certificato di idoneità per le monoposto di Formula Uno.

Il Crash Test

La monoposto del Biscione non ha superato il test frontale e il telaio numero uno è andato totalmente distrutto. Un problema che si aggiunge agli altri e gli addetti ai lavori della scuderia capitanata da Frederic Vasseur sono costretti a rivedere tutto da capo.

Il telaio della monoposto di Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi, squadra riconfermata per il 2020 quindi, non è riuscita a superare un crash test, in totale questi test sono quindici prima di avere l’ok per poter entrare in pista.

Cosa comporta questo?

Sicuramente un ritardo di almeno quattro settimane sul piano di sviluppo della monoposto del 2020, questa infatti, dovrà essere completamente rivista in vista del mondiale.

Questo imprevisto quindi, farà perdere molto tempo alla squadra con sede a Hinwil, che dovranno nuovamente creare una nuova scocca per poter ottenere il certificato della FIA.

Il telaio danneggiato:

Il telaio danneggiato, potrà comunque essere utilizzato per dei test statici ma il team dovrà comunque realizzarne uno nuovo, questo significa che Alfa Romeo dovrà fare gli straordinari per poter rientrare nei tempi stabiliti dal calendario.

Alfa Romeo e la data di presentazione:

Difficile ancora da sapere ma dovrebbe comunque aggirarsi intorno alla seconda settimana di febbraio, come per Ferrari che ha scelto giorno 11. Toro Rosso invece, opta per la festa degli innamorati, giorno 14.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *