Il 2020 potrebbe essere un anno difficile per la Ferrari

Proprio ieri abbiamo parlato del calendario del 2020, oggi arrivano delle notizie invece, che riguardano la Rossa e il 2020.

Gli ingegneri sono insoddisfatti e non ci danno delle buone notizie per quanto riguarda le prestazioni della Ferrari a meno di un mese ormai, dalla presentazione ufficiale.

Il 2020? un anno complicato:

Secondo le prime indiscrezioni provenienti dalla Scuderia del Cavallino, i tifosi della Rossa dovranno aspettarsi un anno difficile, forse peggiore del 2019 visto che gli ingegneri impegnati nella “creazione” della nuova monoposto non sembrano essere soddisfatti dai risultati dei test al simulatore nella galleria del vento.

Ma è vero?

Ovviamente, le notizie arrivano da fonti interne, molto vicine alla Scuderia. La Ferrari del 2020 potrebbe quindi realmente essere così poco competitiva?

Quello che è certo che ancora c’è tempo per poterla perfezionare certo, e poi c’è anche da tenere in considerazione che a febbraio la vedremo in pista per i test stagionali.

Quello che dobbiamo anche ricordare è il fatto che nel lontano 2017, quando stava per essere svelata la Ferrari SF70H arrivarono delle indiscrezioni analoghe, poi però la Rossa di Maranello si dimostrò molto competitiva.

Quello che è anche vero è che alla vigilia della presentazione della SF90 si parlò di una Ferrari competitiva per il 2019, poi però si rivelò piena di problemi, alcuni risolti nel corso della stagione, altri mai risolti.

Vettel e un futuro in rosso?

Le altre indiscrezioni giunte fino a noi ci dicono che il 2020 potrebbe non essere l’ultimo anno in rosso per il pilota tedesco.

Il 2020 potrebbe non essere l’ultimo anno di Seb alla Ferrari, soprattutto adesso che Max Verstappen ha rinnovato il suo contratto con la Red Bull fino al 2023.

Dai rinnovi prolungati infatti, le cose sono estremamente cambiate e le sue possibilità di permanenza alla Rossa si sono alzate molto. Quindi, anche in futuro potrebbe continuare la coppia Vettel – Leclerc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *