F1: Ferrari 2020, ecco come potrebbe essere

Come potrebbe essere la nuova Rossa? tra pochi giorni finalmente, la Ferrari toglierà i veli alla monoposto di Sebastian Vettel e Charles Leclerc.

Proprio negli ultimi giorni, gli ingegneri impegnati nella progettazione della nuova Ferrari hanno svolto un lavoro sicuramente impegnativo.

L’obiettivo a Maranello è sicuramente già molto chiaro, ed è quello di battere la rivale Mercedes e conquistare un titolo che manca ormai da molti anni. L’ultimo, Kimi Raikkonen.

Il 2020:

E’ considerato come un anno di transizione, in vista del cambiamento radicale che avverrà nel 2021. Proprio per questo a Maranello hanno deciso di lavorare sul presente ma guardando anche il futuro.

Ma quindi, come sarà la nuova Ferrari?

Sono molte le indiscrezioni che ci sono arrivate nelle ultime ore, alcune forse veritiere, altre sicuramente no.

Partiamo dall’ala anteriore della nuova Rossa, che probabilmente presenterà ancora una volta un progetto out – wash. Cosa significa? l’aria verrà spinta verso l’esterno, questo ci riporterebbe a una Ferrari di qualche anno fa.

L’evoluzione della SF90 riguarderà soprattutto le sospensioni e i carichi.

Nel 2019, quello che abbiamo potuto capire è che Charles Leclerc e Sebastian Vettel erano molto veloci sul dritto, non si poteva dire lo stesso nelle curve lente.

Cosa hanno pensato quindi i tecnici? hanno pensando di cambiare un pò la nuova monoposto del Cavallino, in modo da renderla molto più maneggevole e molto più stabile. Problema lamentato soprattutto da Seb nel corso del 2019.

La SF90 rendeva l’utilizzo delle gomme difficile, il degrado era molto veloce e le gomme si surriscaldavano molto, a Maranello hanno lavorato duramente per poter creare una monoposto senza questo problema.

Quando vedremo la nuova Ferrari?

Vedremo la sua parte “estetica” l’11 febbraio, mentre per vederla in pista dovremo aspettare i test di Barcellona il 19 febbraio. Per scoprirla seriamente però, ancora c’è tanto da aspettare. Infatti, il primo gran premio della stagione sarà il 15 marzo, in Australia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *