F1 | L’attacco di McLaren alla Ferrari “all’interno della squadra c’è una brutta atmosfera”

In questi giorni sono due le scuderie al centro dell’attenzione e al centro del dibattito o se vogliamo dirla tutta, al centro delle polemiche.

Queste sono McLaren e Ferrari, la prima nel 2021 schiererà in griglia la coppia Ricciardo – Norris, una coppia che sicuramente farà molto sognare, la seconda ha divorziato dal quattro volte campione Sebastian Vettel e ha formato la coppia più giovane degli ultimi cinquant’anni, quella composta da Carlos Sainz e Charles Leclerc.

Ma come accade quasi sempre

Quella al centro dell’attenzione è sempre la Scuderia Ferrari, infatti sono stati numerosi i commenti dopo l’addio a Maranello del pilota tedesco.

Andreas Seidl, team principal della scuderia papaya ammette di conferma, nonostante il legame di amicizia che lo lega a Seb, di non averlo mai valutato come una valida opzione per sostituire Carlos Sainz: “Non abbiamo mai negoziato con lui e non gli abbiamo mai offerto un contratto”.

A confermarlo è anche il CEO di McLaren, Zak Brown che ha una grande stima del quattro volte campione ma ha confermato che Daniel Ricciardo è sempre stata la prima opzione, nel caso di un addio di Carlos.

“Vettel è un pilota magnifico, è un quattro volte campione del mondo, ma già sapevamo che avremmo dato il nostro sedile libero o a Daniel o a Carlos. McLaren non ha mai iniziato alcuna trattativa con Sebastian”.

Se per Sebastian Vettel solo parole positive, non si può dire lo stesso per la Ferrari, Brown infatti, è stato molto critico sulla Scuderia di Maranello, ovviamente anche per la presunta illegalità del motore del 2019 ma anche per altri fattori.

“Non sembra che all’interno dei box ci sia un ambiente gradevole. Ferrari sembra non essere la famiglia felice che vuole far credere”.

Zak Brown torna poi a parlare di Vettel e della sua probabile permanenza all’interno della Formula Uno, ma dove però? ovviamente l’ipotesi più credibile starebbe nel ritiro e ad ammetterlo è anche lo stesso CEO: “Non penso che Seb guiderà una Mercedes o tornerà alla Red Bull. C’è un posto libero in Renault, ma uno come lui vorrebbe davvero far parte di un team che con molta probabilità non vincerà nel 2021? Non penso che Vettel voglia ricominciare da zero con una scuderia che non rientra nei top team. Purtroppo finirà per ritirarsi”.

Seguimi anche su FACEBOOK!

info@f1racegp.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *