F1, Bottas: “Perdere per quattro anni di fila è difficile”

Valtteri Bottas, un pilota abituato a stare tra i primi ma, leggendo la classiffica piloti di questo 2020 si inutisce come sia il primo degli sconfitti di questa stagione e forse, anche di quella precedente.

Metti un compagno di squadra “ingombrante” come Lewis Hamilton, metti anche le troppe aspettative, Bottas è sempre il secondo senza ancora un titolo in tasca con una Mercedes che non smette di stupire.

Secondo posto difficile:

Anche il secondo posto non è stato facile per il finlandese, per pochissimi punti è riuscito a non farselo soffiare da Max Verstappen, il giovane e ambizioso pilota della Red Bull che punta al titolo, anche se è molto distante.

Il contratto del finlandese scade nel 2021 e serve una sua reazione, anche perchè dietro l’angolo c’è George Russell, pronto a prendere il suo posto, ma cosa pensa a questo proposito Valtteri? Ecco le sue parole: “Del 2020? Posso prendere molte cose, sono stato il migliore in molti settori, non abbastanza però, per vincere il titolo, ma continuerò a spingere”.

Continua così poi il boscaiolo: “Ci sono state delle gare sfortunate in cui ho perso qualche punto, altre gare in cui Lewis è stato migliore di me ed ha fatto la differenza”.

Tra Lewis e Valtteri ci sono 124 punti di distacco, tanti, troppi se si pensa che la macchina è praticamente identica: “So che il margine può sembrare grande, sicuramente non sono stato costante come Lewis quest’anno. Continuerò a migliorare e voglio ribadire un concetto: Il calo finale è dovuto dal fatto che io fossi già fuori dai giochi per il titolo. In Turchia, con il Mondiale vinto da Lewis ho un pò mollato, combattere con Hamilton è stancante sia fisicamente che mentalmente. Perdere per quattro anni di fila è difficile da accettare”.

Riuscirà a riscattarsi nel 2021? Ecco intanto il calendario ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *